Tu sei qui

...per amor di chiarezza!

I Rapporti Locride Ambiente con SLAI COBAS, non per volontà di questa società, sono da tempo caratterizzati da un'antipatica asprezza. inevitabilmente, tale situazione diventa argomento importante per la stampa. Con il Quotidiano del Sud, che ringraziamo comunque per lo spazio che regolarmente ci concede, abbiamo interloquito con note stampa e riscontri sulle colonne della testata, su questo tema, rilevando talvolta e a nostro avviso una parziale sacrificio delle nostre versioni, ultima di cui informiamo gli utenti sul nostro sito. pubblichiamo ciò che abbiamo scritto pochi giorni addietro e l'articolo apparso sulla testata in data odierna a pag. 13, incentrato sulle risposte che il cronista fornisce riportando stralci ridotti della nostra lettera.

 

Per completezza di informazioni riportiamo quanto da noi sostenuto.

Egregio Dottor Iaria, Le inviamo una risposta a seguito del Suo riscontro ad una nostra nota, con la quale, nella piena legittimità, abbiamo chiesto di chiarire alcuni passaggi che, in una Sua cronaca sul rapporto tempestoso Locride Ambiente-Slai Cobas, erano stati sacrificati. Senza insegnare giornalismo, come Lei ci accusa di fare- un minimo di esperienza sul campo, assolutamente certificata, è stata comunque acquisita, sia certo di ciò- una colonna e mezza contro tre sono la cifra di un oggettivo disequilibrio che, nella nota di Locride Ambiente, con totale onestà intellettuale e per conoscenza della materia, è stata compresa e accettata. Peraltro Lei e il Suo giornale ci avete dato adeguato spazio a conferma di una professionalità che, ribadiamo, è innegabile.

Però ad onestà intellettuale assoluta chiediamo una altrettanto corrispondente.

A) Lei riporta il particolare, secondo il quale abbiamo chiesto il riconoscimento della primogenitura circa la volontà di non rispondere più sulla stampa a Slai-Cobas, se non per fatti di eccezionale gravita'. Confermiamo la legittimita' della richiesta, perché nel Suo articolo appariva l'esatto contrario.

B) Lei ci accusa di averLe addebitato le imbeccate al responsabile di Slai-Cobas.

Ma quando mai? È vero abbiamo riportato il termine, seguito tra parentesi da un vistoso punto interrogativo, rappresentativo di un dubbio o meglio di un quesito, che è naturale porsi, viste e considerate le tempistiche di intervento, ben al di là dei contenuti delle rassegne stampa mattutine, del rappresentante della sigla sindacale considerata. Non deve metterci parole in bocca mai dette, Dottor Iaria. In ragione di ciò e per quanto ci riguarda, non avrebbe dovuto chiarire la Sua posizione. Potremmo chiosare con un detto latino, ma evitiamo, per non essere anche accusati di saccenteria accademica.

C) Lei ritorna ancora sui ritardi nei pagamenti e ricorda i suoi servizi giornalistici su Bagnara, evidenziando i gravissimi disagi.

Bene, a parte che non c'è solo Bagnara da considerare, sul punto abbiamo chiarito con dati alla mano la situazione. Ribadiamo anche a Lei che i ritardi sono tempisticamente individuabili in 40 giorni. Tecnicamente lo abbiamo anche spiegato, La preghiamo di tenerne conto. Sono dati ufficiali. 

Per quanto ci riguarda, su questi argomenti non abbiamo altro da aggiungere, avendo detto tutto. Se Lei vorrà ancora rispondere, noi prenderemo solo atto.

I comunicati, che periodicamente diffonderemo, riguarderanno tutti gli argomenti di pertinenza della nostra attività ed anche le interlocuzioni con tutto il movimento sindacale, tranne che con Slai-Cobas, salvo esigenze inderogabili e fatta sempre salva la possibilità di ritrovare una civile interlocuzione.

Riteniamo di essere stati anche nel caso trasparenti. Siamo certi che la Sua obiettività, alla pari di quella del Suo giornale, sarà al servizio della notizia. Senza sbilanciamenti. E speriamo di mantenere con Lei un rapporto di sincero, e non avvelenato, rispetto. 

Sinceri e cordiali saluti

 

Siderno li, 21 agosto 2019

 LOCRIDE AMBIENTE SPA

 

SERVIZIO STAMPA