In riferimento al servizio giornalistico da Siderno, pubblicato da su Gazzetta del Sud, domenica 20 giugno 2021 dal titolo “IMMONDIZIA, MISURA COLMA. Perché NESSUNO LA RACCOGLIE? Il comune dovrebbe sollecitare Locride Ambiente”, la società, suo malgrado, è costretta a rappresentare la sua posizione e ad affermare, nettamente e senza remore, che, nella vicenda ricostruita nell’articolo, non ha da scusarsi per un problema, che è totalmente estraneo al servizio erogato dalla stessa.
Va specificato che il servizio, oggetto del capitolato d’appalto, prevede la raccolta dei rifiuti differenziati col metodo “porta a porta”. Ma questo non ha impedito e non impedirà a Locride Ambiente S.p.A. di svolgere anche compiti extra, come è appunto da intendersi la raccolta dei rifiuti abbandonati sulle strade da incivili, che non hanno il rispetto dei luoghi. La società ha sempre avuto questo comportamento e mai si è sottratta ad una piena ed incondizionata collaborazione, termini che chiaramente implicano anche la gestione e il superamento di situazioni di emergenza, con l’Ente comunale.
In queste settimane, però, pur con tutta la volontà della società, la raccolta dei rifiuti abbandonati impunemente lungo le strade della città di Siderno-quella porta a porta è stata regolarmente eseguita-non è stato possibile effettuarla. Un’impossibilità che ha una motivazione tecnica, la stessa che in tante altre occasioni è stata illustrata nei comunicati stampa diffusi, in più occasioni, dall’azienda.
La si rappresenta nuovamente, sperando che non sia più necessario dovere chiarire altro sull’argomento.
Nella settimana che va dal 5 al 12 giugno, per un problema di conferimento presso la stabilimento di Siderno, la Città Metropolitana, che ha, lo si ricorda, il compito di gestire quantità e tempi della raccolta, ha autorizzato, per come comunicato da Locride Ambiente S.p.A. in data 12 giugno 2021 alla Commissione Straordinaria e al Responsabile di settore il conferimento di 40 tonnellate. A fronte delle 40 autorizzate sono state conferite in totale 36,46 tonnellate, a causa, lo si ribadisce, del raggiungimento dei quantitativi in impianto, e sono rimasti pieni quattro cassoni scarrabili (sono i cassoni che restano sui mezzi, con i rifiuti indifferenziati dentro, in attesa di essere svuotati). A tal proposito Locride Ambiente Spa ha chiesto all’ente comunale di voler richiedere in modo incisivo un aumento dei quantitativi di rifiuti indifferenziati da conferire presso l’impianto di destinazione.
In data 19 giugno, Locride Ambiente S.p.A., a fronte delle 50 autorizzate dalla Città Metropolitana, è riuscita a conferire 36,44 tonnellate. Anche in questo caso si è provveduto ad informare il Comune di Siderno.
Dall’1 giugno al 20 giugno, data quest’ultima di pubblicazione dell’articolo sopra menzionato, il lavoro della società è stato, oggettivamente, ben svolto, arricchito, come sempre del resto, di puntuali comunicazioni all’ente appaltante.
Non può, inoltre, essere dimenticato che dal 1° gennaio ad oggi sono stati raccolti 155.680 kg di rifiuti indifferenziati abbandonati in modo indiscriminato lungo le vie di Siderno. Un’attività che la dice tutta sulla solerzia di Locride Ambiente S.p.A.
Stupisce, pertanto, che Locride Ambiente S.p.A. sia tirata in ballo, quando, per chiare situazioni, la cui genesi è da individuarsi nelle determinazioni, certamente necessarie, della Città Metropolitana, si arriva ad uno stato come quello descritto dal servizio pubblicato da Gazzetta.
È un errore individuare in Locride Ambiente S.p.A. la causa dell’accumulo di rifiuti sulle strade. I responsabili sono altri: soggetti, privi di senso civico, forse non registrati nella banca dati, o forse non residenti a Siderno, o forse non regolari.
Locride Ambiente non ha bisogno di essere sollecitata. Si sollecita da sola, attraverso il lavoro, programmato a rigor di legge.
Indicando la società come responsabile di questa situazione, il rischio che si corre è di legittimare, involontariamente si intende, chi viola costantemente le norme, abbandonando i rifiuti per strada. È opportuno, secondo il modesto parere della società, considerare sempre ruoli, competenze e obblighi.

Ufficio Stampa

Locride Ambiente S.p.A.